Goloso e Curioso
Scale di emergenza: storia, modelli e normativa

Scale di emergenza: storia, modelli e normativa

Le scale di emergenza sono uno degli elementi più importanti durante la costruzione di un edificio perché sono utilizzate come fuga d’emergenza durante situazioni pericolose nelle quali non è possibile utilizzare le scale interne o gli ascensori

Le prime scale di emergenza compaiono verso la fine del 700 in Inghilterra, l’inventore è Daniel Maseres che ideò un dispositivo mobile chiamato “fire escape” il quale veniva posto all’esterno delle finestre e permetteva la via di fuga attraverso l’utilizzo di lenzuola annodate. 

Le scale di sicurezza sono obbligatorie negli edifici pubblici (come scuole, ospedali, alberghi), dove vengono poste solitamente all’esterno per evitare l’inalazione di fumo e gas velenosi durante l’evacuazione da un incendio. L’evoluzione ha fatto sì che grazie ad alcuni accorgimento tecnici, come la ventilazione e la fuoriuscita dei fumi, le scale di sicurezza possono essere inserite anche all’interno degli edifici.

I materiali utilizzati devono essere resistenti e non infiammabili, come il ferro o l’acciaio. Inoltre nel luglio 2014 è entrata in vigore la norma EN 1090-1 che obbliga le aziende produttrici a realizzare scale antincendio certificate CE secondo determinati criteri. Il parapetto dev’essere alto almeno un metro e deve supportare forti sollecitazioni. Le rampe devono essere rettilinee e i gradini che le compongono devono essere molto ampi, rettangolari con una pedata di almeno 30 cm e alta massimo 17 cm. Il corrimano deve essere a scomparsa.

Esistono diverse tipologie di scale sicurezza per andare incontro alle esigenze dei diversi edifici e al numero di persone in esso presenti. Secondo la norma, le scale d’emergenza devono essere realizzate seguendo la regola del “massimo affollamento possibile”. Andiamo a vedere nel dettaglio le diverse tipologie:

- Scala esterna di sicurezza: viene utilizzata dove non è possibile adottare soluzioni diverse. È una scala che corre lungo il muro esterno dell’edificio composta da un parapetto. Dev’essere realizzata seguendo diversi accorgimenti, ad esempio non può essere posta sulle facciate dove ci sono finestre che possono sprigionare fiamme. 
- Scala protetta: questa scala viene inserita in un vano composto da un compartimento antincendio, è raggiungibile da ogni piano attraverso porte di resistenza REI che non vanno bloccate per facilitare l’evacuazione. Durante lo sviluppo dell’incendio, la scala protetta, impedisce di essere presa dalle fiamme e dai fumi.
- Scala a prova di fumo interna: è simile alla scala protetta perché viene posta all’interno di un vano costituito da un compartimento antincendio. L’accesso avviene da ogni piano attraverso porte di resistenza REI con congegno di autochiusura.
- Scala a prova di fumo esterna: è realizzata come la scala interna, si differenzia perché l’accesso avviene attraverso uno spazio scoperto al di fuori dell’edificio, per questo motivo il vano scala dev’essere costituito da pareti e porte tagliafuoco.

La scelta della giusta scala da utilizzare va ponderata ed è sicuramente importante richiedere l’intervento di un’azienda del settore esperta per la realizzazione, in questo modo verrà costruita secondo le normative evitando di andare incontro a sanzioni.

Tutti gli articoli >

Editore
Scale di emergenza: storia, modelli e normativa

Editore

Editore

Il Giornale del Condominio è uno spazio libero che propone contenuti utili agli amministratori condominiali e ai condomini. 

La filosofia del Giornale è quella di divulgare la conoscenza di esso al maggior numero di persone possibili.
 
Chiunque sia specializzato in tematiche condominiali e chiunque si voglia impegnare assieme a noi nel dare valide informazioni a tutti gli interessati, può scrivere sul Giornale. Le informazioni possono essere anche di natura commerciale.

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Editore

Editore del "Giornale del Condominio" è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto »

Barberix

Un barbecue senza fumo
per cucinare in modo sano qualsiasi alimento