Goloso e Curioso
L'ACQUA COSTA CARA COME SPENDERE MENO

L'ACQUA COSTA CARA COME SPENDERE MENO

Guarnizioni in ordine:

Un rubinetto gocciolante può sprecare circa 4,5 litri di acqua al giorno. Uno sciacquone che perde può sprecare circa 1.000 litri di acqua in un mese. Cambia le guarnizioni del lavandino e della doccia, oppure prenditi dei rubinetti senza guarnizioni.

Mantenere sempre in buone condizioni gli apparecchi di uso quotidiano è forse il modo più semplice ed economico per cominciare a risparmiare acqua controlla lo sciacquone e ripuliscilo con un anticalcare.
Docce più veloci, far partire lavatrice e lavastoviglie sempre a pieno carico e lavare i piatti a mano non sotto l'acqua corrente ma con una bacinella.
Nuovi water a basso consumo o a doppio flusso, docce a flusso di acqua limitato, lavastoviglie e lavatrici attente all’acqua che usano, possono contribuire al risparmio non solo di una grande quantità di acqua ma anche un risparmio di denaro.

I “riduttori di flusso” nei tuoi rubinetti, diminuiscono in modo significativo il volume dell’acqua; docce “a risparmio d’acqua” possono ridurre il volume di acqua di circa 0,27 litri al minuto (o anche meno); altri tipi di rubinetti sono dotati poi di un “bottone di pausa” per permetterti di fermare il flusso dell’acqua mentre ti insaponi o ti lavi i capelli.
Gli esperti hanno fatto notare di recente che spendere circa 30 euro in docce o rubinetti a risparmio di acqua si stima che possa far risparmiare circa 10 di quei 58 litri di acqua [usati da una normale famiglia ogni giorno], circa il 18% dell’utilizzo.

Un water a basso flusso può far risparmiare altri 10-18 litri di acqua al giorno. Tutti questi cambiamenti contribuiscono quasi a dimezzare l’utilizzo giornaliero di acqua di una famiglia media di 4 persone, salvando quindi una considerevole quantità di acqua e naturalmente di denaro nel tuo portafogli.

Consigli per non inquinare l'acqua
Rispettare l'acqua significa non sprecarla, ma anche non inquinarla.
1     Non gettiamo nello scarico del lavandino o nel WC oli e grassi di cucina. Un litro di olio puó inquinare 1 milione di litri di acqua.
 2     Usiamo detersivi biologicamente degradabili, mantenendo comunque il dosaggio il piú basso possibile.
 3     Non usiamo il WC come pattumiera, gettando rifiuti solidi o sostanze tossiche. Questi creano problemi alla rete fognaria, andando ad aumentare i costi della depurazione.
 4     Non colleghiamo l'impianto alimentato da acqua potabile pubblica, con allacciamenti ad acque private, potabili o meno, (é assolutamente vietato!). Questo per evitare riflussi d'acqua nella rete pubblica e conseguenti rischi d'inquinamento.

Sono tanti i modi per non sprecare né inquinare la nostra acqua.
Inoltre ogni metodo comporta non solo un risparmio d'acqua, ma anche di denaro. In pratica un doppio vantaggio: per il singolo che risparmia e per la collettivitá che contribuisce a preservare la qualitá dell'acqua.

Anche l'addolcitore inquina e fa consumare acqua, quindi non trascurare niente e consulta questo sito:

http://www.kalkotronic.com/

Tutti gli articoli >

kalko Tronic
L'acqua costa cara come spendere meno

kalko Tronic

kalko Tronic

Kalkotronic è un marchio proprietà della Tele-Line di cui è anche la diretta produttrice.

La tele-line con sede in Santa Croce Sull’arno, vanta una esperienza ventennale sul mercato in cui ha sviluppato nuove iniziative, produzioni custom e flessibilità.

I sopralluoghi,  le analisi di progetti, le risposte e consegne “just-in-time” sono stati armi vincenti per  la Tele-Line che in questo modo è riuscita e continua a dare le giuste “risposte” alle richieste degli utenti sia in termini tecnico/funzionali che economiche.

Kalkotronic è diventata per la Tele-line l’obiettivo verso il quale indirizzare le proprie energie, vista la forte richiesta degli ultimi anni in cui sembra che l’addolcitore sia destinato a gestire più gli impianti primari che quelli secondari, ovvero le acque non sanitarie destinate all’utilizzo umano.

Il perché è comprensibile visto il forte utilizzo di sale che viene richiesto per l’utilizzo e lo spreco d’acqua.

Kalkotronic, anticalcare  elettronico infatti non richiede sale per trattare l’acqua correttamente e renderla inoffensiva dal calcare, si basa su un principio  fisico, non viene a contatto con l’acqua e salvaguarda la potabilità come richiesto dalle leggi italiane. Dlgs 31/2001, Dlgs 27/2002 (nuova legge potabilità acqua) e Dm 25/2012 (nuove disposizioni tecniche sul trattamento dell'acqua destinata al consumo umano)

L’acqua proveniente dall’acquedotto pubblico è ricca di sali minerali ma non tutti sono graditi alle condutture idrauliche della nostra casa e dai nostri elettrodomestici che la utilizzano, in particolare il calcare.

Il calcare è responsabile di un maggiore consumo energetico se le serpentine sono incrostate ci mettono più tempo a riscaldare, inoltre il calcare è causa di malfunzionamento frequente della caldaia o degli scambiatori, senza parlare dell’acqua calda che non arriva mai.

Ecco perché riteniamo che kalkotronic sia il domani, ovvero addolcitore 2.0

Per approfondimenti vi invitiamo a visitare il nostro sito: www.kalkotronic.com

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Editore

Editore del "Giornale del Condominio" è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto »