Goloso e Curioso
BUTTIAMO VIA L'ADDOLCITORE A SALE PERCHE' ARRIVA KALKO TRONIC

BUTTIAMO VIA L'ADDOLCITORE A SALE PERCHE' ARRIVA KALKO TRONIC

Kalko Tronic scelto di nuovo al posto di addolcitori

Il motivo è che i costi di esercizio di un addolcitore un tempo trascurabili, oggi non lo sono affatto.

L’addolcitore è tra gli oggetti con un’evoluzione meno evidente rispetto ad altre tecnologie nel corso degli ultimi anni.

L’uso della tecnologia dev’essere semplice e a buon mercato (“per tutti”) ma soprattutto non deve dipendere da risorse non rinnovabili o per lo meno limitarne l’uso quanto possibile.

Inoltre, in passato molti hanno sviluppato con scarsa attenzione agli sprechi e questo ha creato preoccupazione soprattutto per i problemi ambientali e di sicurezza.

Per questo sempre più addolcitori, una volta giunti alla fine della loro vita utile, non vengono riacquistati.

Grazie alla globalizzazione il costo di acquisto di un addolcitore classico oggi può risultare interessante rispetto ad altri sistemi: le materie prime di cui sono fatti (plastiche, contenitori metallici, teste elettroniche o meccaniche) spesso provengono da paesi dell’est (es. la Cina) perchè costano meno rispetto a produrle localmente, ma la qualità è quella attesa?

E se anche fossero di qualità eccezionale e costassero carissimi, risorse come sale, acqua e fatica farebbero comunque parte del processo di addolcimento.

Sono questi i motivi per cui sempre più numerosi scegliete Kalko Tronic per il vostro trattamento acqua.

Nella foto sottostante si può vedere come un locale adibito all’addolcimento di due appartamenti sia stato riconvertito con Kalko Tronic.
Si trova a Livorno, durezza variabile tra 35 e 60°Francesi, secondo il periodo dell’anno.

Abbiamo cercato di fare le foto prima e dopo con angolazione similare. 
Simpaticamente abbiamo notato che era rimasto attaccato ad un tubo, per tutto il tempo, un detergente spray (sulla destra): anch’esso fa capire le proporzioni della foto.

E’ del tutto evidente quanto sia lo spazio acquistato.
Si noti, nella foto più grande, le macchie lasciate sulle mattonelle dal sale corrosivo per gli addolcitori.

VANTAGGI TECNOLOGICI E AMBIENTALI:

Il cliente ha immediatamente azzerato il costo del sale (circa 2 sacchi al mese per addolcitore), azzerato il consumo dell’acqua che nel suo caso era di almeno 5/600 litri ogni 2 giorni e ovviamente azzerato la fatica di acquistarlo e caricarlo (confort).

E’ stato notato che l’acqua risultava effettivamente più dura rispetto a prima ma che le incrostazioni non erano comunque presenti, è quindi rimasto soddisfatto di aver acquistato i Kalko Tronic che non richiedono alcun impegno durante l’anno.
Molto comoda la funzione wifi integrata che consente la verifica del regolare funzionamento dell’impianto da smartphone comodamente dal divano di casa.

La tecnologia serve a questo, trovare soluzioni limitando gli sprechi: 

  • zero consumo di sale (risorsa che si estrae e che è fortemente inquinante)
  • zero consumo di acqua (risorsa parzialmente rinnovabile e quella dell’addolcitore da dolce diventa estremamente salata ed inquinante)
  • zero lavoro del cliente (si evita l’acquisto e il faticoso carico settimanale/mensile del sale)
  • sicurezza (niente pericolo di allagamenti)

Diventate anche voi utilizzatori di Kalko Tronic, farete bene all’ambiente, ai vostri elettrodomestici, al vostro portafoglio e al vostro confort.

 

VANTAGGI TECNOLOGICI E AMBIENTALI:

Il cliente ha immediatamente azzerato il costo del sale (circa 2 sacchi al mese per addolcitore), azzerato il consumo dell’acqua che nel suo caso era di almeno 5/600 litri ogni 2 giorni e ovviamente azzerato la fatica di acquistarlo e caricarlo (confort).

E’ stato notato che l’acqua risultava effettivamente più dura rispetto a prima ma che le incrostazioni non erano comunque presenti, è quindi rimasto soddisfatto di aver acquistato i Kalko Tronic che non richiedono alcun impegno durante l’anno.
Molto comoda la funzione wifi integrata che consente la verifica del regolare funzionamento dell’impianto da smartphone comodamente dal divano di casa.

La tecnologia serve a questo, trovare soluzioni limitando gli sprechi: 

  • zero consumo di sale (risorsa che si estrae e che è fortemente inquinante)
  • zero consumo di acqua (risorsa parzialmente rinnovabile e quella dell’addolcitore da dolce diventa estremamente salata ed inquinante)
  • zero lavoro del cliente (si evita l’acquisto e il faticoso carico settimanale/mensile del sale)
  • sicurezza (niente pericolo di allagamenti)

Diventate anche voi utilizzatori di Kalko Tronic, farete bene all’ambiente, ai vostri elettrodomestici, al vostro portafoglio e al vostro confort.

 

Tutti gli articoli >

kalko Tronic
Buttiamo via l'addolcitore a sale perche' arriva kalko tronic

kalko Tronic

kalko Tronic

Kalkotronic è un marchio proprietà della Tele-Line di cui è anche la diretta produttrice.

La tele-line con sede in Santa Croce Sull’arno, vanta una esperienza ventennale sul mercato in cui ha sviluppato nuove iniziative, produzioni custom e flessibilità.

I sopralluoghi,  le analisi di progetti, le risposte e consegne “just-in-time” sono stati armi vincenti per  la Tele-Line che in questo modo è riuscita e continua a dare le giuste “risposte” alle richieste degli utenti sia in termini tecnico/funzionali che economiche.

Kalkotronic è diventata per la Tele-line l’obiettivo verso il quale indirizzare le proprie energie, vista la forte richiesta degli ultimi anni in cui sembra che l’addolcitore sia destinato a gestire più gli impianti primari che quelli secondari, ovvero le acque non sanitarie destinate all’utilizzo umano.

Il perché è comprensibile visto il forte utilizzo di sale che viene richiesto per l’utilizzo e lo spreco d’acqua.

Kalkotronic, anticalcare  elettronico infatti non richiede sale per trattare l’acqua correttamente e renderla inoffensiva dal calcare, si basa su un principio  fisico, non viene a contatto con l’acqua e salvaguarda la potabilità come richiesto dalle leggi italiane. Dlgs 31/2001, Dlgs 27/2002 (nuova legge potabilità acqua) e Dm 25/2012 (nuove disposizioni tecniche sul trattamento dell'acqua destinata al consumo umano)

L’acqua proveniente dall’acquedotto pubblico è ricca di sali minerali ma non tutti sono graditi alle condutture idrauliche della nostra casa e dai nostri elettrodomestici che la utilizzano, in particolare il calcare.

Il calcare è responsabile di un maggiore consumo energetico se le serpentine sono incrostate ci mettono più tempo a riscaldare, inoltre il calcare è causa di malfunzionamento frequente della caldaia o degli scambiatori, senza parlare dell’acqua calda che non arriva mai.

Ecco perché riteniamo che kalkotronic sia il domani, ovvero addolcitore 2.0

Per approfondimenti vi invitiamo a visitare il nostro sito: www.kalkotronic.com

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Editore

Editore del "Giornale del Condominio" è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto »

Barberix

Un barbecue senza fumo
per cucinare in modo sano qualsiasi alimento